Sei in: Home > Corsi di insegnamento > Storia e tecniche di esecuzione I: Materiali lapidei e derivati. Superfici decorate dell'architettura
 
 

Storia e tecniche di esecuzione I: Materiali lapidei e derivati. Superfici decorate dell'architettura

 

HISTORY AND EXECUTION TECHNIQUES I: STONE AND STONE-LIKE MATERIALS. ARCHITECTURE DECORATED SURFACES

 

Anno accademico 2017/2018

Codice attività didattica
INT0466
Docente
Romana Albini (Titolare del corso)
Corso di studio
[f090-c512] laurea a ciclo unico in conservazione e restauro dei beni culturali (abilitante ai sensi del d.lgs n.42/2004) - a venaria
Anno
1° anno
Tipologia
Altre attività
Crediti/Valenza
12
SSD attività didattica
NN/00 - nessun settore scientifico
Erogazione
Tradizionale
Lingua
Italiano
Frequenza
Obbligatoria
Tipologia esame
Scritto ed orale
Prerequisiti
Superamento del concorso di ammissione.
Conoscenza minima dei materiali: lapidei naturali, e come richiesti da test di ammissione al corso
- comprovata sensibilità nella lettura di un testo grafico o pittorico
- comprovata capacità di riproduzione di testi grafici o pittorici dati
- capacità di gestione del proprio spazio di lavoro: ordine, pulizia

Aver superato il test finale del Corso Formazione Sicurezza (INT01247)

INCOMING REQUIREMENTS (EGNLISH)

Success in the admission test.
Fundamental knowledge of the stone materials

Passing of the final test of “Safety Training Course” (INT1247)

 
 

Obiettivi formativi

MATERIALI E MANUFATTI LAPIDEI:Acquisire le competenze teoriche e pratiche per un corretto approccio  metodologico all’intervento di a conservazione e restauro dei manufatti lapidei attraverso:

a) conoscere le tecniche di esecuzione,  i materiali costitutivi, le cause del degrado e gli interventi di restauro precedenti di elementi decorativi lapidei naturali ed artificiali, elementi architettonici

b) riconoscere lo stato di conservazione e le diverse tipologie e cause di degrado. Comprendere l'origine del deterioramento dei materiali porosi. Saper progettare e mettere a punto il metodo di intervento conservativo in base ad una conoscenza interdisciplinare del bene effettuata pianificando gli approfondimento storici, tecnici e scientifici necessari.

c) conoscere le possibili metodologie di intervento, attraverso la conoscenza teorica e l'esperienza operativa diretta su opere in scultura e decorative dell'architettura di diversi periodi storici ed ambiti artistici. Conoscere le tecniche di documentazione necessarie per rilevare lo stato di conservazione, le tecniche di esecuzione, gli interventi precedenti e gli interventi effettuati durante l’intervento di restauro.

 EDUCATIONAL GOALS (ENGLISH)

STONE MATERIALS: the student will acquire theoretical and practical skills for a correct methodological approach to the restoration intervention of stone artefacts, through:
a) Knowledge of execution techniques, constitent materials, causes of decay, previous restoration interventions on stone artefacts.
b) recognize the conservation state
c) Knowledge of the main intervention methodologies for artefacts of different historical and artistic periods. Knowledge of documentation techniques.

 

Risultati dell'apprendimento attesi

                          

Rilevare e conoscere le tecniche esecutive dei manufatti eseguire indagini e approfondimenti attraverso la lettura di fonti documentarie e confrontare le fonti con l’indagine autoptica del manufatto.

Rilevare lo stato di conservazione e le diverse cause del degrado.

Essere in grado di progettare un intervento in base allo stato di conservazione, e conoscenza dei materiali e delle tecniche esecutive, attrezzature e metodologie di intervento.

Acquisire la metodologia di approccio e operativa corretta  

Aspetti tecnici: acquisire la manualità necessaria mediante manipolazione diretta delle opere e delle attrezzature.

Redigere report e relazioni tecniche oltre alla Documentazione  tecnica grafica e fotografica  di tutto il processo di restauro

 

Programma

PRIMA PARTE

-conoscenze teoriche impartite attraverso la proiezione di fotografie e Power Point, oltre a visite in esterno su siti e monumenti o  all’interno di musei:

-Storia della tecnica di scultura e lavorazione del materiale lapideo, e citazione delle fonti storiche .

- Cenni generali sul ciclo costitutivo delle rocce; pietre da costruzione e pietre decorative;  repertorio di marmi antichi bianchi e colorati,  le tecniche di estrazione, taglio, le cave in antichità, i mezzi di trasporto, e gli strumenti di esecuzione, le finiture.

Interventi di restauro del passato: integrazioni in stucco e pietra, patinature, protettivi antichi.

Finiture pittoriche e lamine metalliche: oro, argento, stagno; tecniche di laminazione e applicazione su muro. Esempi desunti dalla precettistica tecnica.

Primo approccio ai materiali per il restauro ed alla loro applicazione durante un intervento.

-Degrado aspetti morfologici e degrado chimico fisico biologico  e meccanico dei materiali costitutivi

-Effetti del degrado e cause

-Intervento sullo scavo

-prove pratiche di formatura realizzazione di calchi  in materiale artificiale e prove di reintegrazione con malta e materiali sintetici.

-teoria relativa  alla reintegrazione di elementi e parti mancanti

SECONDA PARTE

Attività pratica laboratoriale da eseguire su opere o manufatti di interesse storico artistico presenti

Osservazione diretta dell’opera e lettura dei segni macroscopici descrizione dello stato di conservazione acquisizione delle notizie storiche e ipotesi diagnostica

-redazione di prima relazione tecnica dello stato di conservazione all’arrivo in laboratorio

-predisposizione della richiesta di indagini scientifiche e confronto scientifico con i laboratori di analisi per il riconoscimento dei materiali costitutivi e individuazione di elementi di cause del degrado

-realizzazione della documentazione fotografica

-esercitazione pratica diretta sulle opere o su manufatti simili

-Spolveratura e rimozione depositi coerenti

-esercitazioni su test di pulitura e saggi stratigrafici

-pulitura meccanica e chimica delle superfici

-conoscenza e esperienza diretta nell’esecuzione di interventi immediati di messa in sicurezza

-predisposizione di sistemi  grafici per la documentazione

- interventi di consolidamento adesivo e coesivo, sigillatura e stuccatura attraverso la predisposizione di malte e prodotti artificiali.

 

PROGRAMME (ENGLISH VERSION)

HISTORY AND TECHNIQUES OF EXECUTION: STONE AND STONE-LIKE MATERIALS. ARCHITECTURE DECORATED SURFACES.

PART I

-theoretical knowledge imparted through the projection of photographs and PowerPoint, as well as visits to external sites and monuments and in museums:

-History of the art of carving and processing of stone material, and citation of historical sources.

- Overview about of origin of rocks, building stones and decorative stones, ancient repertoire of white and colored marbles, extraction techniques, cutting, ancient quarries, transport, and the enforcement tools, finishes. Restoration of the past: integrations in stucco and stone, patina, and antique protective. Finish painting and sheet metal: gold, silver, tin,   techniques of lamination and application on wall. Samples taken from the technical precepts. First approach to restoration materials and their application during surgery.

Degradation-morphological and degradation: chemical, physical, biological material constitutive

-Effects of degradation and causes

 -Speech on the excavation tests

-forming practices making casts and artificial material tests reintegration with mortar and synthetic materials.

-theory on restoration of missing elements and parts

 PART TWO

-Practical workshop activities to be performed on artifacts or works of artistic and historical interest

- Direct observation of the work and reading the signs, description of the state of conservation of historical information acquiring and diagnostic hypothesis

-preparation of the technical report of condition on arrival in the laboratory

 -preparation of the request for scientific investigation and discussion with scientific laboratories for the recognition of the constituent materials and identification of causes of degradation

 -realization photographic documentation exercise-direct practice on the works of ancient or similar articles

 -Dusting and removing deposits consistent -tutorials on cleaning tests and stratigraphic tests

- chemical-mechanical polishing of the surfaces

 -Knowledge and experience of the performance of immediate safety measures

- preparation of graphics systems for documentation

 - Strengthening interventions adhesive and cohesive, sealing and grouting through the preparation of mortars and artificial products.

 

Modalità di insegnamento

300 ore di attività pratico-laboratoriali

 

Modalità di verifica dell'apprendimento

                             Test scritto con domande a risposta chiusa con 3 scelte, a metà e fine corso, La valutazione è meramente indicativa,  il test ha come scopo identificare gli elementi che richiedono un chiarimento o approfondimento, utile in particolar modo con gli studenti del ! Anno.

Tesina  (preferibilmente in PP ) che relazioni sull'opera trattata in laboratorio, con particolare attenzione alle cause di degrado ed ai metodi di intervento, il peso di questa prova sulla valutazione finale è del 20%.

Test scritto di almeno 100 domande a risposta chiusa, si otterrà il 30 se  90 risposte su 100 sono giuste; l'esame orale verterà sulle risposte abagliate e potrà lasciare immodificato, migliorare fino portare alla lode il voto matematico del test scritto, aumentato del 20 % ottenuto con la tesina sull'opera in laboratorio.

Test scritto con domande a risposta chiusa con 3 scelte, a metà e fine corso, La valutazione è meramente indicativa, il test ha come scopo identificare gli elementi che richiedono un chiarimento o approfondimento, utile in particolar modo con gli studenti del I Anno. Tesina (preferibilmente in PP ) che relazioni sull'opera trattata in laboratorio, con particolare attenzione alle cause di degrado ed ai metodi di intervento, il peso di questa prova sulla valutazione finale è del 20%. Test scritto di almeno 100 domande a risposta chiusa, si otterrà il 30 se 90 risposte su 100 sono giuste; l'esame orale verterà sulle risposte abagliate e potrà lasciare immodificato, migliorare fino portare alla lode il voto matematico del test scritto, aumentato del 20 % ottenuto con la tesina sull'opera in laboratorio.

Il voto finale in trentesimi sarà determinato da: prova in itinere 8 punti - prova finale 8 punti -  capacità tecnica (precisione/manualità, pulizia postazione e strumenti, osservazioni/metodologia, raggiungimento obiettivi, capacità di lavorare in gruppo) 8 punti - comprensione problemi/spirito critico 4 punti / presenza-puntualità 2 punti

 

Testi consigliati e bibliografia

“Degrado e conservazione dei materiali lapidei” a cura di Barbara Magrelli e Costantino Meucci, 2000, editore Edilroma service Srl (ROMA)

“Scienza dei Materiali e Restauro” G.G. Amoroso  e Mara Camaiti Alinea Editrice  1997 Firenze

Strumenti e Materiali del Restauro, Metodi di Analisi, misura e controllo Giorgio Accardo e Giuseppina Vigliano Edizioni Kappa, 1989

Bollettino d’Arte  supplemento I, Materiali Lapidei problemi relativi allo studio del degrado e della conservazione  Ministero per i Beni Culturali

Bollettino d’Arte  supplemento II, Materiali Lapidei problemi relativi allo studio del degrado e della conservazione  Ministero per i Beni Culturali

La biologia nel Restauro ; G.Caneva, M.P. nugari, O.Salvadori, Nardini editore 1997 Firenze

Scienza e Restauro Metodi di indagine  Mauro Matteini e Arcangelo Moles, Nardini Editore 1984 Firenze

La Chimica nel Restauro I materiali dell’arte pittorica  Mauro Matteini e Arcangelo Moles Nardini ed. 1989 Firenze

Il restauro della Pietra Lorenzo Lazzarini e Marisa Laurenzi Tabasso CEDAM casa ed Dott. Antonio Milani 1986

I silicati nella Conservazione Atti del  Congresso Internazionale, Fondazione per le Biotecnologie  2002 Torino.

-G. V asari, Le vite de’ più eccellenti architetti, pittori et scultori italiani, da Cimabue insino a’ tempi nostri, Firenze. 1550.

-Vitruvio Pollione M., De architectura, Pordenone, Studio Tesi, 1993.

-I.I.C.,  Adhesives and consolidant, Paris Congress september 1984

-I.I.C.,  reviews in conservation, number 1   2000

-a cura di Gabriele Borghini,  Marmi antichi, materiali della cultura artistica, Edizioni De Luca Vol.1

DIMOS parte I mod. I  Tecniche di esecuzione e materiali costitutivi

Norman Davey, Storia del materiale da costruzione, ed. Il Saggiatore

Matteini Moles, La chimica del restauro, I materiali dell’arte pittorica, Nardini Editore

Peter Rockwell – Lavorare la pietra – La Nuova Italia Scientifica;

AAVV – Atti del convegno “Consolidanti e protettivi in uso sui materiali inorganici porosi di interesse artistico ed archeologico” – Provincia autonoma di Trento Servizio Beni Culturali;

AAVV – Atti del Congresso Internazionale “I Silicati nella Conservazione: indagini, esperienze e valutazioni per il consolidamento dei manufatti storici” – Fondazione per le Biotecnologie

Introduzione al concetto di degrado dei manufatti:

morfologia del deterioramento di tipo fisico, chimico e biologico

cenni sulle alterazioni di alcuni pigmenti e delle lamine metalliche

morfologia del degrado dei materiali

La Chimica nel Restauro I materiali dell’arte pittorica  Mauro Matteini e Arcangelo Moles Nardini ed. 1989 Firenze

Il restauro della Pietra Lorenzo Lazzarini e Marisa Laurenzi Tabasso CEDAM casa ed Dott. Antonio Milani 1986

Alessandro De Tomassi , Pietra in Ombra.

 

RECOMMENDED TEXTS AND BIBLIOGRAPHY (ENGLISH)

“Degrado e conservazione dei materiali lapidei” a cura di Barbara Magrelli e Costantino Meucci, 2000, editore Edilroma service Srl (ROMA)

“Scienza dei Materiali e Restauro” G.G. Amoroso e Mara Camaiti Alinea Editrice 1997 Firenze

Strumenti e Materiali del Restauro, Metodi di Analisi, misura e controllo Giorgio Accardo e Giuseppina Vigliano Edizioni Kappa, 1989

Bollettino d’Arte supplemento I, Materiali Lapidei problemi relativi allo studio del degrado e della conservazione Ministero per i Beni Culturali

Bollettino d’Arte supplemento II, Materiali Lapidei problemi relativi allo studio del degrado e della conservazione Ministero per i Beni Culturali

La biologia nel Restauro ; G.Caneva, M.P. nugari, O.Salvadori, Nardini editore 1997 Firenze

Scienza e Restauro Metodi di indagine Mauro Matteini e Arcangelo Moles, Nardini Editore 1984 Firenze

La Chimica nel Restauro I materiali dell’arte pittorica Mauro Matteini e Arcangelo Moles Nardini ed. 1989 Firenze

Il restauro della Pietra Lorenzo Lazzarini e Marisa Laurenzi Tabasso CEDAM casa ed Dott. Antonio Milani 1986

I silicati nella Conservazione Atti del Congresso Internazionale, Fondazione per le Biotecnologie 2002 Torino.

-G. V asari, Le vite de’ più eccellenti architetti, pittori et scultori italiani, da Cimabue insino a’ tempi nostri, Firenze. 1550.

-Vitruvio Pollione M., De architectura, Pordenone, Studio Tesi, 1993.

-I.I.C., Adhesives and consolidant, Paris Congress september 1984

-I.I.C., reviews in conservation, number 1 2000

-a cura di Gabriele Borghini, Marmi antichi, materiali della cultura artistica, Edizioni De Luca Vol.1

DIMOS parte I mod. I Tecniche di esecuzione e materiali costitutivi

Norman Davey, Storia del materiale da costruzione, ed. Il Saggiatore

Matteini Moles, La chimica del restauro, I materiali dell’arte pittorica, Nardini Editore

Peter Rockwell – Lavorare la pietra – La Nuova Italia Scientifica;

AAVV – Atti del convegno “Consolidanti e protettivi in uso sui materiali inorganici porosi di interesse artistico ed archeologico” – Provincia autonoma di Trento Servizio Beni Culturali;

AAVV – Atti del Congresso Internazionale “I Silicati nella Conservazione: indagini, esperienze e valutazioni per il consolidamento dei manufatti storici” – Fondazione per le Biotecnologie

Introduzione al concetto di degrado dei manufatti:

morfologia del deterioramento di tipo fisico, chimico e biologico

cenni sulle alterazioni di alcuni pigmenti e delle lamine metalliche

morfologia del degrado dei materiali

La Chimica nel Restauro I materiali dell’arte pittorica Mauro Matteini e Arcangelo Moles Nardini ed. 1989 Firenze

Il restauro della Pietra Lorenzo Lazzarini e Marisa Laurenzi Tabasso CEDAM casa ed Dott. Antonio Milani 1986

Alessandro De Tomassi , Pietra in Ombra.

 

Note

calendario, orario, aula: http://conservazionerestauro.campusnet.unito.it/cgi-bin/lezioni.pl

ANNUALE

 Al termine dell'insegnamento è prevista un'attività didattica integrativa denominata LABORATORIO DI STORIA E TECNICHE DI ESECUZIONE, sotto la guida di TUTOR (6 cfu aggiuntivi, pari a 150 ore)

 

  

 
Ultimo aggiornamento: 18/07/2017 11:18
Campusnet Unito
Non cliccare qui!